mercoledì 25 novembre 2009

FILOTTRANO vs RESTO del MONDO

Avrete tutti visto la "vela" dell'amministrazione contro ASUR e Regione. Sembra una puntata di quelle sfide: qualcuno contro il resto del mondo, a cui Filottrano non è nuova (vedi discarica). Nei confronti di tanta competenza amministrativa e di un così spiccato senso delle istituzioni ho preparato il manifesto che qui vedete:

40 commenti:

Anonimo ha detto...

Memorabili furono le parole del nostro ex sindaco quando ci vide raccogliere le firme per la casa della salute, azione definita strumentale perché a Filottrano, in termini di sanità, avevamo già tutto!!!!!
N.

Flavio ha detto...

Nel Dicembre 2007, abbiamo passato diverse serate in piazza, per la raccolta delle firme a sostegno di una iniziativa del PD sul problema sanitario nel nostro Comune. Avevamo già spedito un nostro giornalino con lo scopo di sensibilizzare la Cittadinanza. Chiedevamo quanto altri Comuni già avevano, la cosiddetta "Casa della Salute", con alcune richieste precise, quelle che vado ad elencare: 1)Luogo di esercizio della attività dei Medici di Famiglia. 2)Sede Ambulatori polispecialistici. 3) Luogo stazionamento ambulanza attrezzata con infermiere professionale(ILS). 4) Residenza Sanitaria Assistenziale(decenza anziani, lungodecenza). Una certa sera è venuta nel nostro gazebo il Sindaco. Il giorno successivo scrivemmo in un manifestino così: "ieri sera qui al gazebo è venuta a farci visita il Sindaco di Filottrano Ivana Ballante, non per aderire alla nostra richiesta, ma anzi per lamentarsi vivacemente di quanto stavamo facendo. Secondo Lei quanto elencavamo nel richiedere il sostegno, solo il punto 1°, avrebbe meritato la sua firma, ma i successivi: N°2-3-4- NO, SONO GIA ACQUISITI, sono già patrimonio della nostra cominità; stavamo commettendo quindi una grave scorrettezza(non abbiamo capito verso chi, ma ovviamente per un nostro limite). Filottrano secondo il proprio Sindaco avrebbe già questi servizi- ma all'insaputa dei suoi abitanti- Siamo rimasti senza parole, allibiti ma confortati sulla bontà di quanto stavamo facendo". Scrivemmo così due anni fà. L'amministrazione Ballante inviò anche lei una lettera alla cittadinanza piena di contumelie e di insulti nei confronti del "neonato" PD. Disse ai filottranesi: perché firmare? abbiamo già fatto tutto noi. Nei restanti giorni non firmò quasi più nessuno!!! Oggi vanno in giro con la vela a protestare contro se stessi. Davvero bravi!! Saluti Democratici da Flavio A.

Anonimo ha detto...

La "vela" dopo una breve tappa a Jesi è ritornata a solcare il mare nostrum, tronfia e ammorbante di demagogia. Fino a quando dobbiamo assistere a questa deprimente sceneggiata? Sia gli attuali che precedenti Amministratori dimostrano di non avere né il senso del limite né tantomeno della vergogna, è necessario che qualcuno ricordi loro che, oltre a rendersi ridicoli, con i loro vecchi e nuovi comportamenti rendono ridicola una intera comunità. A.A.

Daniele Donadio ha detto...

Sono un elettore vicino alle posizioni del pd in quanto partito riformista o presunto tale.
Volevo soltanto rivolgere una critica/consiglio al Consigliere Pd Giretti che non ho mai avuto il piacere di conoscere di persona. Come personalità politica credo di essermi fatto un idea.
Qualche domanda: questi manifestini a cosa servono? Pensa davvero che siano costruttivi? O è solo un atto mancato che va a tamponare la sua repressa predisposizione come giornalista satirico (o polemico?).
Chi li paga questi manifesti?
Ora mi immagino elettore del principale schieramento del centro-destra-destra italiano e che quindi vota Pdl per sbaglio o forse per ignoranza, per cura di interessi personali, perché crede nel “particulare” e nel clientelismo (ma sì! perché no). Lei crede che darmi del ‘Gaggiotto’ mi faccia aprire gli occhi di botto? Mi faccia pensare a quanto sono stato stupido fin’oggi? O forse creerà solo antipatia verso una figura politica lontana e che si va allontanando ancor di più. E questo solo perché questo schieramento politico (centro-sinistra filottranese), che si esprime attraverso i suoi manifesti, non sa prestare attenzione ad un aspetto cruciale nel rapporto fra politica e cittadini: ovvero il rispetto dell’ignoranza.
Il rispetto per chi dopo una giornata di lavoro non ha voglia di leggere il giornale, di guardare programmi televisivi benfatti e si stravacca sul divano e quando proprio deve votare perchè il dovere lo chiama, vota Lega, Pdl o chicchèsia alla faccia del Gaggiotto che è.
La prego quindi di usare termini meno forti perlomeno se riferiti ai cittadini (“Gaggiotto!” “ Gaggiotto a chi?!”), meno giocherelloni ( vedi Variante TraBallante, Coppante, ecc..) che infastidiscono anche i suoi di elettori perché su temi tanto importanti trasmettono un’immagine della politica come un bel giochino o uno spettacolo da teatrino di terz’ordine.
Spero che colga questa critica come un invito a far meglio e non solo i manifesti.

Donadio Daniele

Anonimo ha detto...

C'è una ignoranza che è anche un peccato:l'ignoranza colpevole!

Anonimo ha detto...

Gentile Donadio, non è giustificato chi per stanchezza o comodità si disinteressa di tutto ciò che lo circonda e si stravacca sul divano a perdere tempo. Crede forse che tutti coloro che si informano e studiano lo facciano perchè non hanno di meglio da fare tutto il giorno? Le assicurano che esistono tantissime persone che lavorano decisamente di più di 40 ore settimanali e ciò nonostante non rinunciano all'informazione e soprattutto a farsi un'opinione. Scusi tanto ma sono quelli come lei che permettono all'ignoranza di dilagare. Finchè continuerete a giustificare il disinteresse ed il lassismo continuerete a produrre solo gaggiotti!

Flavio ha detto...

Carissimi anonimi non c'è nessun bisogno di reiterare insulti, chi vuole farlo non si deve poi nascondere dietro l'anonimato. Donadio che non ho il piacere di conoscere ha detto liberamente il suo pensiero. Che anch'io condivido e non mi si venga a dire che chi va alle urne sono tutte persone che danno il proprio voto in maniera consapevole e informata!! E per renderli tali è sufficiente dar loro del "gaggiotto". Io per esempio non penso che i filottranesi che non votano PD o altri partiti di centrosinistra sono tutti "gaggiottelli". Perché allora come dovremmo chiamare i milioni di Italiani che votano Berlusconi? Che credendo alle sue fandonie pensano che diventeranno tutti dei "paperoni" come lui? Saluti da Flavio Antinori

Gabry ha detto...

Io credo che il signor Daniele abbia ragione, io avevo già detto in un'altra occasione,in una riunione del nostro circolo, che i nostri manifesti devono informare non offendere. Non li condivido in effetti. Per quanto riguarda la vela appare e sparisce, mistero!! Domenica era in Via dell'Industria, oggi è sparita ancora!!! In effetti mi chiedo che la paga!!L'amministrazione comunale!! Mah!! strano proprio, perché allora il Sindaco non sa che il principale responsabile della sanità del proprio paese è lui. La ex, in occasione della raccolta delle firme fatte da alcuni ragazzi del PD, aveva detto che non servivano a niente, aveva già fatto tutto lei. Allora non era vero, visto che sono passati due anni e siamo al punto di partenza. Forse ci ha raccontato un po di frottole perché c'erano le elezioni!! Ma chi la paga questa vela, ce lo fate sapere?

Flavio ha detto...

Gabriella grazie per il ragazzo. Quella di due anni fa non è stata solo una sporadica iniziativa di alcuni ragazzi del PD, come sai. Ha visto impegnato molto a fondo il PD che oltre le firme, ha organizzato due assemblee pubbliche alla presenza del Dottor Ruta, Responsabile della sanità della Regione, Mezzolani assessore Regionale alla Sanità, Luchetti Consigliere Regionale e tanti altri. E' stata boicottata dal Sindaco, perché iniziativa del PD, non perché -come vediamo oggi- (ma si vedeva bene anche all'ora) superflua, inutile. La loro mentalità populista li portano all'egoistica conclusione del "ghe pensi mi" berlusconiano. Iniziano a "pensarci" a ridosso dei vari appuntamenti elettorali e poi la loro preoccupazione finisce li in attesa del prossimo. Chi paga il peregrinare della vela? Sembrerebbe il Papà di Monia... Scusate il mio interventismo. F.A.

Anonimo ha detto...

A Gianfranco: Come avrai modo di imparare, la gggente non se la prende con chi li tratta da GAGGIOTTI, ma con chi li mette in guardia.

Daniele ha detto...

Non me la prendo con nessuno. Ho solamente detto che usare determinati termini nel comunicare con i cittadini è controproducente, io so cosa intende il consigliere Giretti ma non tutti possono capirlo;addirittura si può fraintendere.
E se questo partito è davvero democratico, bè allora deve considerare tutti anche le fasce più ignoranti.
Quella del divano voleva essere una polemica bonaria, altri non anonimi l'hanno capito.
Non giustifico ma tantomeno condanno nessun tipo di ignoranza. Solo che se da una parte non c'è alcuna voglia di cambiare, allora dall'altra ci si potrebbe adeguare partendo da messaggi più semplici e concreti, più vicini alla vita di ogni giorno e senza polemiche forzate. Un partito, un movimento che vuole conquistare la maggioranza deve tener conto anche di questa grossa fetta di elettorato che non vuole gli si dica sempre cosa deve o non deve fare, vuole semplicità,trasparenza. Assolutamente non vuole essere preso in giro per qualche pecca, anche grossa,che la vita o qualche sua mancanza gli ha portato.
Saluti

Daniele

Anonimo ha detto...

Accidenti come ve la prendete con gli anonimi...eppure siete voi che decidete le regole del blog e permettete di non firmarsi!

Anonimo ha detto...

Il PD ha sempre invitato a moderare i toni con il risultato di peredere molti dei propri elettori a favore di chi invece ha fatto della polemica il prorpio cavallo di battaglia. Forse alzare un po' la voce, anche con il rischio di urtare la suscettibilità di alcuni, può servire a scuotere le coscienze di altri. ANONIMISSIMO!!!!!

Daniele ha detto...

Rischio regime nel blog: firma anche tu la petizione a favore della libertà di anonimato. Purtroppo il sito al quale devi collegarti è anonimo. :)

D.D.

gianfranco ha detto...

Chiamato direttamente in causa per il manifesto titolato “la vela e i gaggiotti” sento il dovere di una spiegazione. Per dare concretezza alla discussione partirei da un minimo di storia. Pensavo e penso ancora che utilizzare la struttura dell’ex ospedale per farne la base del sistema sanitario filottranese, portandoci i medici di famiglia, potenziando il “poliambulatorio”, organizzandoci un primo soccorso, un minimo di struttura e iniziando con la telemedicina, fosse un bene per Filottrano. Per questo, come coordinatore, ho impegnato il partito in una raccolta di firme (1600) e nella organizzazione di due convegni di altissimo livello dove i massimi dirigenti tecnici, amministrativi e politici della Regione e della ASUR hanno avallato totalmente la nostra idea e invitato noi e l’amministrazione a proseguire sulla via di quella che viene comunemente chiamata Casa della Salute. Tutto ciò in linea con l’idea della politica che amo, che prediligo e che non è certo quella dei manifesti. Per tutta risposta l’amministrazione ha lasciato cadere questa opportunità sostenendo di non aver bisogno di nulla avendo già tutto ed essendo capace di caversela da sola. Credo che Filottrano abbia perso una splendida occasione. Questo è l’antefatto. Dopo mesi e mesi di costante decremento dei servizi (no vaccinazioni, no pediatra, e così via) compare la vela in cui si dice, come per tutto il molto che a Filottrano non funziona, che la colpa è di altri. Mi è sembrato evidente che il vero obiettivo dell’amministrazione comunale fosse quello di coprire e mascherare la propria lampante inettitudine. Fumo negli occhi dei filottranesi. Ecco dunque il manifesto. Lungi dall’idea di dare del gaggiotto a chicchessia, ho solo rivendicato per me e per tutti il diritto di non essere trattato come tale. Se poi il manifesto è venuto male e non è piaciuto me ne dispiaccio, ma, per cortesia lo si rilegga bene. Non c’è affatto scritto che io penso ai filottranesi come gaggiotti; viceversa c’è il tentativo unito alla preoccupazione di metterli in guardia da una amministrazione che - lei sì - li pensa e li sta trattando come tali. Un’amministrazione che non riesce proprio ad essere istituzione per confrontarsi con altre istituzioni ma continua a comportarsi come parte politica con i risultati che tutti possono vedere (a cominciare, tanto per dire, dalla discarica). Per una overdose di chiarezza e a costo di essere stucchevole, voglio dunque ripetere ancora che, almeno nel mio pensiero e nelle mie intenzioni, non c’era e non c’è nulla contro i filottranesi che invito ancora ad essere attenti e ad evitare i diversivi e il fumo che viene loro sparato negli occhi!
Dopodiché, gentile Daniele, desidero calorosamente invitarla nel nostro circolo (abbiamo molto bisogno anche di spiriti critici), dove potrà rendersi conto di persona del nostro modo di lavorare e delle motivazioni che ci animano.
Ma le devo ancora delle risposte:
 nelle mie intenzioni i manifesti dovrebbero con poche parole e un pizzico di ironia, aiutare ad inquadrare i problemi; mi piace molto Michele Serra che, senza riuscirci, tento di imitare;
 i costi sono tutti nostri (intendendo che provengono tutti da contributi volontari); interessante sarebbe conoscere chi paga manifesti firmati amministrazione comunale; non crede?
 non ce l’ho con l’ignoranza, che peraltro spesso è anche dannosa; io continuo a combattere la disinformazione e spero di riuscire a farlo meglio in futuro.
Da ultimo; chiamato in causa in prima persona ho replicato in prima persona. Sappia tuttavia che tutto quanto detto e fatto è stato ed è frutto di un importante e costante lavoro di gruppo. Tanti auguri e i miei migliori saluti.

Flavio ha detto...

Uno degli anonimi invita il PD a cambiare strategia, lasciare perdere la moderazione e utilizzare altri cavalli di battaglia, per ritornare a vincere. Noi preferiamo i "nostri Cavalli" non saranno "purosangue", forse "ronzini" ma a volte anch'essi possono ritornare utili almeno per quella "gggente" in carne e ossa, magari la stessa che a tarda sera si stravacca un attimino dopo una giornata in fabbrica, il lavoro tra le mura domestiche, che sommandole in maniera approssimativa supera abbondantemente le 40 ore settimanali. Oppure con qualche urlo in meno e qualche attenzione in più interessarsi dei Nostri Giovani, ai quali promettiamo un futuro tutt'altro che roseo. Alzare la voce, scuotere le coscienze lo lasciamo volentieri ad altri, in questo molto più bravi di noi... altrimenti poi cosa gli resta? Vorrei ora riportare un pezzo di Francesco Piccolo(l'Unità di ieri): "Adriano Sofri, in un articolo su La Repubblica, rimprovera al Pd la mancata adesione alla manifestazione del 5 Dicembre. Lo fa in modo appassionato e spiega: ci sono giorni e dei momenti, in cui si può scendere in piazza tutti insieme. Ma neanche la lucidità di Sofri riesce a togliere un peso allo stomaco,che anno dopo anno diventa più insostenibile e che bisogna sopportare per forza perché i medici hanno diagnosticato la guarigione soltanto quando Berlusconi non sarà più in politica. E cioè, che da questa parte, dalla parte degli antiberlusconiani, siamo in tanti, la pensiamo in maniera diversa su tante cose, ma siamo costretti a stare tutti insieme. Siamo costretti a stare sempre insieme con forcaioli, violenti, reazionari, comici diventati messia, gente che starà bene soltanto quando vedrà tutti in galera, altri che fanno una satira di serie C e altri ancora che mandano mail a tutto il mondo con barzellette su Papi e sull'altezza di Brunetta. Molti di quelli che stanno da questa parte sono diventati, o sono disposti a diventare, peggiori di quelli che sono. Perché, dicono, è Berlusconi che ci costringe a farlo. Ecco, è esattamente questa conclusione che respingo con tutte le forze: non voglio essere peggiore di quello che sono; perché lo sarei da 15 anni e ancora per qualche anno, suppongo. E si può essere peggiori in modo cosciente, e addirittura volontario, per un giorno o per una settimana, ma non per un ventennio". Nel Nostro Paese nella parte di chi urla, di chi insulta chi pensa agli affari; possiamo dire di essere già "ben coperti". Viceversa, c'è assai bisogno che qualcuno incominci ad interessarsi dei problemi di tutti. E'quello che intende fare il PD. Saluti Democratici Flavio Antinori

Daniele ha detto...

Grazie Sig. Giretti, molto esauriente. Il modo di fare politica non è di certo un manifesto ma a livello locale anche un breve messaggio scritto ha il suo peso. Io ho letto tutto il manifesto perchè sono abituato a concentrarmi su testi estesi, ma le assicuro che chi ha una forma mentis pù concreta della mia (eufemisticamente parlando)si ferma alle scritte cubitali in rosso ovvero gaggiotti! e subito si stizzisce. Cercherò di cogliere l'invito per quel che potrò. Al Sig. Flavio vorrei dire che nella confusione mediatica farsi ascoltare è tutt'altro che facile, così a volte alzare la voce è inevitabile se non necessario. Non di norma ma a volte quando si sta per toccare il fondo non guasta.
D.D.

Anonimo ha detto...

Volevo complimentarmi col sig. Daniele perchè ha avuto l'estrema correttezza (non penso si possa parlare di coraggio) di firmarsi nonostante esprimesse un'opinione abbastanza critica nei nostri confronti.
Ma questa correttezza ha dato anche credito alle sue osservazioni,che certamente l'anonimato non dà.
Tutti noi (Filottranesi) abbiamo bisogno di queste persone,che pur nel loro dissenso,magari solo occasionale,aiutano a trovare la via più giusta per arrivare alle coscienze dei concittadini.
Al contrario,almeno personalmente,gli interventi anonimi lasciano una traccia paragonabile a quella di una brezza leggera: nessuna !
L'anonimato priva di credibilità ed attendibilità,rimane una voce proveniente dal nulla,giusto o no il messaggio che porta.
All'anonimo-a che dice che le regole del blog le abbiamo decise noi io gli rispondo che le regole invece le stabilisce la ragione e la buona educazione!
Magari mi stò rivolgendo a persone che frequento regolarmente,ma spero e penso proprio di no.
Voglio solo dire che ognuno che esprime le sue idee su questo blog,abbia il coraggio (educazione,accortezza,gentilezza,fermezza,anche 'gnorantezza) di sostenerle con la propria identità,altrimenti avremmo il risultato di svilire grandemente questo luogo di confronto democratico,ed a quel punto sarà inutile scriverci qualsiasi cosa,anche le verità che reggono l'universo!!

Saverio

Tiposinistro ha detto...

h

Tiposinistro ha detto...

h

Anonimo ha detto...

LO SAPETE CHE OCCORRONO PIU DI 2MILIARDI DI VECCHIE LIRE PER METTERE A NORMA LE SCUOLE E ASILI DI FILOTTRANO? L'EX VICE SINDACO PAOLUCCI COSA ASPETTA? SCUOTETE LE COSCIENZE SU QUESTO. IL BILANCIO 2010 E ALLE PORTE. MEDITATE GENTE MEDITATE. PAOLUCCI DEVE ANDARE A CASA.... ARRIVA LA DISCARICA: grazie Titì della tua preziosa difesa in Conero Ambiente. grazie Ballante per non aver fatto niente, grazie Coppari sindaco per averci taciuto tutto. grazie di cuore.

f.to I RIFIUTI DI ANCONA E PROVINCIA

Daniele ha detto...

Ringrazio il Sig. Saverio per le sue parole. Purtroppo Filottrano è sì un piccolo paese ma non tutti abbiamo il piacere di conoscerci se non di vista. E la piazza si va trasformando in blog.
Potete fare a meno di rifermi l'appellativo sig. o signor avendo solo 21anni domani. Devo ammettere che mi sono sempre sentito un pò vecchio non essendo questo paese un paese per giovani.

A presto

D.D:)

Anonimo ha detto...

a Daniele:AUGURONI!

Anonimo ha detto...

E' ragionevole pensare che le vele che solcano i nostri mari siano solo le prime. Più ci si avvicinerà alle elezioni regionali, più ne avvisteremo, credo.
Per questo è molto importante che il Partito Democratico filottranese sappia rimobilitarsi sulla Casa della salute, sulla riapertura definitiva del presidio sanitario (ex-ospedale Gentiloni) e sul suo funzionamento.
Non c'è battaglia politica più di centrosinistra di questa, più utile e più popolare e per la quale valga la pena inventare strategie nuove e coinvolgenti.
Se il centrosinistra sarà bravo, come lo è stato in passato sull'argomento, l'Amministrazione comunale non potrà che...ammainare le vele.
Cordiali saluti a tutti i democratici e ai blogger
Guido Carletti

Anonimo ha detto...

Caro Daniele per favore non chiamare "signore" neanche me,visto che io invece gli anni li compio oggi,e quindi in teoria sarei solo un giorno più vecchio di te,.......però dovrei andare a controllare l'anno !
SALUTI e mi raccomando,fatti vivo,anzi,....fatevi vivi in tanti!!

Saverio

Anonimo ha detto...

Per Guido Carletti.
Condivido il tuo richiamo alla "pugna" sulla sanità ed aggiungo che ci sono altre "pugnet.." sulle quali incrociare le spade della politica.Lo studio legale al quale è affidata la sorte di Filottrano e l'arroganza e la presunzione dimostrate nei primi consigli comunali non lasciano ben sperare. I salotti buoni della politica a Filottrano ( per intenderci C.so del Popolo all'altezza della farmacia Mercuri, loggiato P.ZZA Mazzini, bar Wally, studio geometra XY, studio medico XY, impresa costruzioni Santa Maria del Mattone, ecc....)si dilettano nello scomettere su quanto durerà questa amministrazione dove il logorio tra IERI e OGGI stà producendo devastanti scelte e paralisi politica.
A presto.

GATTOMAMMONE

Anonimo ha detto...

Tra i salotti "buoni" elencati da GATTOMAMMONE,includerei: il bar cantinone, bar centrale, alcune barberie, parrucchierie, pizzerie, laboratori artigianali, ecc. Insomma i vari " palazzi grazioli" de noantri. Da: Un semplice osservatore.

Anonimo ha detto...

Siamo d'accordo con GATTOMAMMONE. Mentre scrivo sono qui con me altre persone. Crediamo che questa amministrazione sia ostaggio di un passato che non vuole mollare.Come mai e perchè si sono nascosti sui giornali per il problema della discarica? Se hanno issato le vele per la sanità non era il caso di varare una nave da crociera per i rifiuti?

" 4 amici al bar"

Anonimo ha detto...

Noto con piacere che compaiono sul nostro blog vari e svariati personaggi dai nomi anche fantasiosi !
Tutto questo per la questione sollevata dal firmarsi come anonimi !?
Comunque apprezzo molto la varietà e la quantità degli interventi,è segno di vivacità intellettuale e che qualcuno in questo paese stà uscendo dal torpore che ci circonda.

Saverio

Anonimo ha detto...

Entro nella discussione per un motivo non inerente al post... Volevo solamente fare i miei più cari auguri a Daniele e Saverio.
Ele

Anonimo ha detto...

A Saverio:AUGURONI!

Anonimo ha detto...

Grazie Ele ed anche agli altri !!

Saverio

gabry ha detto...

Grazie Gianfranco per averci illuminato,effettivamente non avevo letto il manifesto bene e soprattutto l'ho letto senza riflettere. Ma avevo ascoltato molte voci che interpretavano come me. A Daniele vorrei dire congratulazioni per la chiarezza di idee nonostante la sua giovane età. Saremmo fieri di averlo con noi. Ciao a tutti Buon Natale

Anonimo ha detto...

Per Gattomammone.
Visto che hai apprezzato il mio invito a riprendere la politica politicante sulla sanità locale, vorrei sapere, per cortesia, cosa ne pensi di quest'altra cosa.
Giace da 13 anni, presso l'ufficio tecnico comunale, un progetto per un ascensore da installare presso il comune.
Tre anni fa, il centrosinistra locale lo rispolverò e tanto disse e tanto fece (coi Gattimammoni occorre un tono favolistico, giusto?) che riuscì a farlo inserire nel Piano triennale delle opere pubbliche.
Il fatto è, caro Gatto, amico mio, che da allora il progetto ha cominciato a slittare di piano in piano, di anno in anno e Dio solo sa se verrà mai realizzato.
Non so neanche cosa ne pensino dell'ascensore i salotti buoni della politica filottranese, forse niente. So però per certo che a chi ne ha bisogno, gl'interessa. So anche che il nostro comune obbliga chi costruisce edifici nuovi a farlo senza barriere architettoniche; a chi li ristruttura, ad abbatterle... E fa bene.
L'edificio comunale, invece, è inaccessibile. Ma mi pare che nessuno se ne vergogni, il che non è civile, non ti pare?
Ora mi congedo e nel congedarmi ti comunico che con noi vivono undici gatti. Spero sarai contento!
Cordiali saluti
Guido Carletti

Flavio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Flavio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Si rimane sempre un pò sorpresi nel vedere Persone non più giovanissime credere ancora alle favole(da questa amministrazione cos'altro si attende? -Gianfrancus ipse dixit-)Nonostante le opposozioni si siano triplicate, non è stato così per i "pani/pesci",sono rimasti gli stessi. Quindi? Ancora più deboli!! Il saccheggio continua. Sprattutto del Centro Storico,insieme al degrado senza fine e alla sua invivibilità. Per pochi "dinari" stanno svendendo e violentando il nostro bellissimo territorio. Da costoro dobbiamo aspettarci l'ascensore? Con questi "amministratori" è probabile che succeda l'inverso: si continuerà a scendere. Ma non nell'ascensore. Anonimo... filottranese

Anonimo ha detto...

Per Guido Carletti.
GATTOMAMMONE non conosceva il problema dell'ascensore che se è come dici non fà che confermare la mia idea di questa amministrazione, ovvero, un clone di quella precedente. Alziamo il tiro Guido! Andiamo a sollecitare l'opinione pubblica anche su questo delicatissino problema. Ho il timore però che I GATTI ( silenziosi compagnoni e dotati di scatti felini e intelligenza frizzante)non saranno ascoltati. Del resto non abbiamo la parola possiamo solo miagolare ma a volte GRAFFIAMO......e lasciamo il segno.
Auguri Guido a te e famiglia.Brinda ad un natale sereno ed ad un 2010 che ti sorrida con successi e che PORTERA DELLE GRANDI NOVITA POLITICHE A FILOTTRANO.Almeno così mi ha confidato Babbo NATALE!!!!!
GATTOMAMMONE

Anonimo ha detto...

Per Gattomammone.
Gentile amico,
grazie per gli auguri, che ricambio volentieri; passa un Natale sereno e che tu abbia un anno nuovo proficuo.
Torneremo a parlare di politica dopo le feste? Ci sarebbe una cosa molto interessante da sviscerare...
Un paio d'anni fa, l'Amministrazione comunale di Filottrano non prese in carico, come avrebbe potuto, il Catasto. Intese posticipare tutto ad agosto 2009. A un felino come te non sfugge certo quel che non sfuggì neanche a noi, all'epoca: che il Comune avrebbe preso in carico il Catasto SOLO dopo le elezioni...
Che fine abbia fatto la pratica io non lo so: ho perso qualche battuta. So però che il Catasto dato in gestione ai Comuni è una tappa d'obbligo per la trasparenza degli atti amministrativi e per la limpidezza dei rapporti tra i cittadini, nonché una grossa patata bollente per le Amministrazioni comunali...
Ti regalo questa mia riflessione per Natale. Ci sentiamo ad anno nuovo, se ti va.
Di nuovo auguri a te e famiglia gattomammona
Guido Carletti

Anonimo ha detto...

DA GATTOMAMMONE a GUIDO CARLETTI.
Sul catasto la tua analisi è lucida e corretta.....Non poteva essere altrimenti da acuto e maturo osservatore della politica " de casa nostra" come sei. Ho la netta sensazione che dopo le Regionali a filottrà ci saranno tanti gatti pronti a miagolare ed in cerca di un gomitolo di cose con cui "giocare" e divertirsi a scompigliare le carte alla "signora degli anelli".
Diceva Oscar Wilde ( che adoro):
A DARE RISPOSTE SONO CAPACI TUTTI MA A PORRE LE VERE DOMANDE CI VUOLE UN GENIO.."
Una di queste domande potrebbe essere: nel minestrone politico messo insieme dal duo Coppari-Ballante chi si cuoce per primo?
Buon natale e che qualcuno lassù ci aiuti a vivere un 2010 migliore, per tutti.